Un mondo di manga e di anime giapponesi  

 

La definizione completa di Otaku







Otaku

Quasi certamente questo termine è uno dei più usati non solo dentro, ma anche fuori il fumetto. Ad un certo punto, mentre esponete al mondo il vostro amore e la vostra passione per i fumetti giapponesi, qualcuno vi passa di fianco e vi dice: “Sei proprio un Otaku!”. Detta così potrebbe risultare un'offesa, ma in un certo verso non lo è.
Prima di addentrarci nel significato moderno di Otaku, sarebbe meglio scoprire assieme la sua derivazione di terminologia, in quanto essa stessa è legata, in un certo qual modo alla versione che adesso si usa nei confronti di tutti gli appassionati di fumetti e di cartoni animati del Sol Levante. Otaku in lingua giapponese significa letteralmente “il luogo che appartiene a me”, cioè un luogo personale, intimo, mio.
Per luogo possiamo intendere ciò che più ci aggrada, anche se però, in linea di massima, per la cultura generale l'Otaku è la propria stanza, ovvero il luogo in cui dormiamo, in cui conserviamo le nostre cose, i nostri oggetti, i nostri piccoli grandi tesori.

Piano piano Otaku ha significato una cosa ben diversa dalla “stanza propria”; adesso, di fatti, questo stesso termine sta ad indicare sostanzialmente tutti gli appassionati di anime e manga (ma anche manwha). In linea di massima Otaku non è un termine molto dispregiativo, ma può certamente assumere questo connotato se viene accompagnato da una determinata “concezione” della persona. Otaku, di fatti, non indica solo l'appassionato del fumetto giapponese in quanto tale, ma anche e soprattutto (specie per chi usa questa parola in modo dispregiativo), una condizione sociale ben definita, nonché un atteggiamento psicologico e caratteriale particolare. L'Otaku, secondo la visione di alcuni, è una sorta di persona che si chiude nel proprio guscio trastullandosi con i fumetti ed i cartoni animati perché sono le uniche fonti che lo rendono sicuro del proprio io e della propria condizione. Visto e considerato che l'Otaku si sente sostanzialmente un incompreso, una figura non accettata dalla società che mira a dare importanza a ben altre cose, egli si rinchiude in se' stesso, rifiutando ogni contatto con il mondo esterno.

Cercando di trovare un collegamento tra il vecchio termine e quello nuovo, l'Otaku è colui il quale rimane nel suo luogo, il “posto a cui appartiene” che abbiamo citato prima... la sua stanza piena di poster, modellini in vinile, giocattoli, DVD, ma anche tantissimi apparecchi tecnologici. La figura dell'isolato non si estende solo al lettore del fumetto o allo spettatore del cartone animato, ma anche a tutti coloro i quali sono appassionati di videogiochi, oppure si dedicano anima e corpo all'alta tecnologia anche, se, in tal caso, crediamo sia più opportuno usare altri termini più specifici nonché adatti a questo tipo di categorie.
Altra piccola curiosità che non tutti sapranno, forse, è che si è iniziato a parlare di Otaku nei termini “moderni” dal 1986 anno in cui iniziò ufficialmente una sorta di “movimento” giovanile che si faceva chiamare con il nome di Moratorium Ningen, termine che, tradotto in italiano sarebbe: I giovani della moratoria. Da quel momento gli Otaku, come forma ed figura sociale vennero bene identificati (questo ovviamente in Giappone. Qui i primi movimenti di questa natura li abbiamo avuti molto più tardi, ovvero verso la fine degli anni novanta).

Per concludere, comunque, va specificato che, detta in una certa maniera, la parola Otaku non è per niente offensiva e che, anzi, potrebbe risultare anche un vezzeggiativo nella misura in cui qualcuno vuole specificare e o sottolineare la tua grande passione per i fumetti e l'ampia competenza che hai nel settore.



























| Fumetti | dragon ball | | Disegni Winx | Dragon Ball Z | Carte Yugioh | Barbie Bratz | |
Contact | Pagati per scrivere | Disclaimer
| Dragonball X | Dbz | Dragon Ball XDragonball | Lamu' - sexy del manga | 2007 Swami and Angelichan Text - Non Profit Work _ Special Thanks to Chan and Amuzami Channel. Tutti i diritti riservati